Mobile Menù
Home » Blog » FISCALE & SOCIETARIO » La NUOVA DETRAZIONE FISCALE del 110% introdotta dal DECRETO RILANCIO

La NUOVA DETRAZIONE FISCALE del 110% introdotta dal DECRETO RILANCIO

25.05.2020.

Gentili Clienti,

Il “Decreto Rilancio”, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale del 19 maggio u.s., come abbiamo anticipato, contiene numerose norme di carattere fiscale ed economico, che intendono stimolare e “rilanciare” la nostra economia dopo il blocco forzato e prolungato di interi settori economici per via dell’emergenza sanitaria.

In particolare, l’articolo 119 del decreto, intitolato “Incentivi per efficientamento energetico, sisma bonus, fotovoltaico e colonnine di ricarica di veicoli elettrici”, prevede una detrazione fiscale nella misura eccezionale del 110% per determinate spese sostenute per “alcuni interventi di riqualificazione energetica e riduzione del rischio sismico, nonché per una serie di interventi effettuati contestualmente a quelli espressamente individuati dalla norma”, illustrati nell’informativa allegata.

Per inciso, la detrazione fiscale è un valore che riduce l’imposta calcolata, ma che nel caso in questione può essere ceduta al fornitore o a terzi soggetti, comprese le banche.

La detrazione ceduta, in tal modo, si trasforma in credito di imposta per il soggetto cessionario, ossia per il soggetto che la acquisisce a vario titolo.

Il credito di imposta a sua volta è un credito nei confronti dell’Erario, utilizzabile in questo caso in compensazione (nel modello F24) con altri tributi e contributi previdenziali.

La detrazione in oggetto è eccezionale perché è superiore alla sua base imponibile, ossia all’entità della spesa sostenuta e su cui viene calcolata.

La dimensione di tale detrazione e la sua possibile cedibilità costituiscono indubbiamente un forte motivo di attrazione perché consente:

  • Ai potenziali beneficiari di fruire di un netto miglioramento dei fabbricati ad uso abitativo senza esborsare denaro ( ! )
  • Ai fornitori (imprese edili e impiantisti) di effettuare i lavori eliminando il rischio del mancato pagamento pattuendo con i committenti l’acquisizione della detrazione stessa a copertura integrale della spesa
  • Per i condomìni di effettuare interventi con copertura integrale della spesa (sotto forma di detrazione da recuperare fiscalmente, in 5 quote annuali, o di cessione della detrazione ai fornitori a copertura della spesa da parte dei singoli proprietari delle unità immobiliari facenti parte del condominio) e quindi di superare le normali resistenze in sede assembleare per importi impegnativi

E’ pur vero che tale incentivo economico, utilizzando la “leva fiscale” di tale dimensione con possibilità di cessione, possa dare un fortissimo impulso al settore dell’edilizia e dei relativi impianti, con benefici per i rispettivi indotti economici, ma occorre tener conto che l’incentivo stesso è contenuto in un decreto che dev’essere ancora convertito in Legge. Occorre tener conto inoltre che la conversione in legge deve avvenire entro 60 giorni dall’entrata in vigore del decreto e può comprendere modifiche in sede di conversione stessa.  Poi ci saranno anche i provvedimenti attuativi e le circolari dell’Agenzia delle Entrate che introdurranno chiarimenti ed interpretazioni.

Pertanto, in questo momento occorre cautela fino a quando le norme non saranno definitive, ma ciò non toglie che l’incentivo in questione sia da prendere in seria considerazione in vista dei prossimi 18 mesi a partire dal prossimo mese di luglio, sia da parte dei potenziali beneficiari che delle imprese potenzialmente interessate.

Del resto, probabilmente non a caso, le spese che daranno luogo alla detrazione saranno quelle sostenute a partire dal 1° luglio 2020 e fino al 31 dicembre 2021, ossia a partire da un momento in cui il decreto sarà convertito in Legge o sarà vicino alla sua conversione (che deve avvenire entro il 18 luglio 2020).

Dato che l’argomento è, oltre che interessante, vasto e articolato, ci riserviamo di fornire successivi aggiornamenti.

Restando a disposizione per ulteriori chiarimenti e informazioni, porgiamo cordiali saluti.

STUDIO SANTI & Associati

Via Morazzone n.21

22100 COMO (CO)

Tel. +39 031 265927 – 266484

Fax +39 031 3301656

www.studio-santi.it

info@studio-santi.it

Blog: http://www.studio-santi.it/blog/

Novità Fiscali e Normative: www.studio-santi.com